longform-original-4259-1479135766-6

Un fotografo ha esplorato le comunità che vivono nelle zone più isolate delle isole Ebridi, nei punti più a nord della Scozia.

La fotoreporter francese Laetitia Vancon ha visitato delle comunità nelle Isole Ebridi  durante Gennaio 2016, cercando di capire come i giovani delle isole si rapportino con la loro casa isolata, e con il resto del mondo.
Il progetto, chiamato “alla fine del giorno”, si basa su ragazzi e adulti di età compresa i 18 e i 35, alcuni dei quali si sono stabiliti in modo permanente nel luogo della loro nascita, mentre altri stanno cercando di partire per un nuovo lavoro e opportunità sociali.
Vancon spiega: “All’età di 18 anni, la mancanza di opportunità lascia questi giovani di fronte a un bivio: E adesso? Quale direzione prendere?  Sono queste isole davvero il paradiso che la gente crede che siano? O meglio, sono una fuga dalla realtà insoddisfacente, troppo sviluppata, sradicata, e non ancorata del mondo moderno?
“In un mondo che sta diventando sempre più globalizzato, uniforme, e smaterializzato, le isole, nella loro sincerità, semplicità e autenticità, rappresentano nell’inconscio collettivo, un rifugio di pace … In queste isole si trova un microcosmo ben conservato, in cui l’esperienza di isolamento ha un effetto di ingrandimento su questi eccezionali – anche se fragili – spazi “.
Le foto intime e audaci della Vancon  mostrano le montagne rigide delle Ebridi, le brughiere, e le coste, e i giovani che le abitano, tra cui un aspirante attore, un infermiere di salute mentale in cerca di formazione nella Scozia continentale, e un pastore che si sente come se il resto del mondo fosse staccato dal senso comune.

Danielle MacGillivray, 26, con suo figlio Peter, 4

Kevin, 35, un pescatore dell’isola di Lewis

Connor e Rowan, 18

I fratelli gemelli James e Kevin Anderson, 35

Scott MacRury, 28, postino, tessitore e pastore.

Calumm, 24

Keith MecDonald, 28

Scott Matheson, 25, cacciatore sulle isole del Sud Uist

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *